About me

Who is Haltarad?

Tunisia 2009 017

L’amore è passione, ossessione, qualcuno senza cui non vivi. Ci si deve buttare a capofitto e trovare qualcuno da amare alla follia e che ami alla stessa maniera. La verità è che non ha senso vivere se manca questo. Fare il viaggio e non innamorarsi profondamente, equivale a non vivere. Ma bisogna tentare, perché se non hai tentato, non hai mai vissuto.”

Questa è la frase che un padre dice alla figlia, commentando la spenta e noiosa relazione tra lei ed il suo collaboratore più fidato. Bill Parrish, questo il nome del padre, ritiene che la loro storia non sia la felicità cui sua figlia aspira e si merita.
A prescindere che questa citazione sia tratta da un film del 1998 che, se non fosse stato per la presenza del bello di turno (si trattava di Brad Pitt), nessuno avrebbe guardato nemmeno di striscio, le parole di Bill Parrish mi hanno colpito profondamente.
Perché riassume in poche frasi, il concetto di Amore che ho sempre avuto in testa.
L’Amore.
L’ultima possibilità di redenzione per gli esseri umani, l’ultimo biglietto vincente che ci possa salvare dallo sprofondare nell’immensa, fetida cloaca di questa civiltà che ci siamo costruiti.

Quanto sopra, dice di me più di quanto potrei fare in pagine di blog e tuttavia, per mettere tranquillo il mio ego monumentale, tenterò di raccontarmi in maniera esaustiva, scevro dalla presunzione, per quanto possibile.
Poiché lo si voglia o no, ognuno di noi ha una considerazione di se stesso ben più alta di ciò che siamo in realtà e benché da molti anni ho fatto voto di coerenza e sia vittima di una forte repulsione verso l’ipocrisia, sono lungi dall’esserne immune.

Piacere!
Nasco il 31 ottobre 1980, in una serata nevosa e fredda, nell’anima l’amore per la natura, la libertà, gli ideali di uguaglianza e giustizia e per il Pensiero fine a se stesso.

Estremamente pragmatico nel lavoro e nella quotidianità, ho sempre la testa persa in un universo parallelo di sogni, idee e speranze, ogni qualvolta mi è concesso.
Questo vivere nella realtà cavalcando i sogni, mi ha portato ad un lunga, spasmodica e spesso infruttuosa ricerca di Equilibrio. Una sottile linea che corre lungo il Margine del Caos, dove l’eccessivo immobilismo porta alla fossilizzazione del pensiero e dell’individuo, ma una mutevolezza esagerata e l’anarchia conducono alla perdita della propria identità e del proprio io.Haltarad
Pare che alla fine ci sia riuscito: non ho avuto bisogno di un bravo psicologo!
Almeno fino ad ora.
Idealmente mi definisco un ribelle, contro il Sistema, ma solo perché il cambiamento possa portare ad un miglioramento del sistema stesso, che agisca in modo meritocratico e più civile per coloro che  ne fanno parte.
Ritengo non sia molto importante di cosa mi occupo al giorno d’oggi e ho lasciato la scuola troppo presto perché fosse in grado di dare un orientamento professionale alla mia vita; ho svolto negli anni i mestieri più disparati, riuscendo sempre a rinnovare la mia voglia di ricominciare, anche se con un grande cruccio: non sono riuscito a vivere delle mie passioni.
Esse sono, dopo i miei due figli e mia sorella, la mia ragione di vita.
Da bambino c’erano il calcio giocato e l’animazione giapponese (il primo l’ho abbandonato), poi sono arrivati Star Wars e la Fantasy; in età adolescenziale, per paura di un analfabetismo di ritorno dopo aver abbandonato il Liceo e avendo capito che ci si può fare un minimo di cultura per conto proprio, a farla da padrone sono la letteratura, la storia, la filosofia e l’astronomia.
Non nego che talvolta, una parte di me pensasse che forse era meglio se me ne fossi andato in discoteca!
Da adulto, realizzo un sogno: acquisto una spada e mi dedico alla scherma storica tardo-medievale.
Il non plus ultra per uno che si sente guerriero nell’anima.
Anche se da questo punto di vista, il momento topico per me arriva però a quindici anni.
Sailor Moon entra prepotentemente nella mia vita e per motivi tuttora sconosciuti, mi cambia radicalmente.

In meglio.
Credere nel bene, non solo in senso di concetto assoluto, ma nelle piccole cose di tutti i giorni come mezzo per sconfiggere il male e la depravazione un passo alla volta, diventa un mantra.
Da allora cerco di vivere guidato dalla luce della Luna, cogliendo l’attimo, godendo delle piccole/grandi cose quotidiane, vivendo intensamente ogni momento; Sailor Moon ha preteso da me amore e dedizione, ma mi ha regalato la consapevolezza che tendere sempre al miglioramento di se stessi e combattere dalla parte giusta, è il primo passo verso la ricerca della felicità.
In fondo, ho scoperto che questa è la vita che voglio, una vita fatta di quelle piccole cose che mi rendono felice…
…che mi rendono felice.

tumblr_mwnde7BCcz1svidzjo1_1280

Annunci